Chart

Winter 2016

Written by Futurismi

ENGLISH VERSION HERE

Dal vinile al digitale alla cassetta, le uscite di questi primi tre mesi del 2016 sono così tante che provare a recensirle tutte sarebbe veramente impossibile. Quindi abbiamo deciso di raggrupparne alcune, un po’ come un lungo promemoria sia per noi che per voi, nonostante sia stato comunque difficile limitarci. Dieci sono decisamente riduttivi, cento sarebbero troppi, e allora eccovi i nostri 50 dischi preferiti di quest’inverno.

__________________________________

a2809385137_2

$$$TAG$$$ – Crowd Surfing [Opal Tapes] – Opal Tapes sbarca a El Cairo: elettronica freschissima e beat irresistibili.

_________________

a0861722708_3AAVV – Denial [Total Black] – Minimalismo, angoscia e noise industriale troverebbero un equilibrio infinito se tutti i dischi fossero così: la compilation più sperimentale di questo trimestre è firmata Total Black.

_________________

tricks

AAVV – Few Tricks For Nervous Dealmakers EP [Contort Yourself] – La Contort Yourself ci insegna di nuovo come confezionare una compilation di qualità: dovrebbe bastare dire due tracce di Zombies Under Stress dritte dall’86 per farvi ricordare il vero significato di “hardcore electronics”.

_________________

SIGN

 AAVV – Signs Of Decay [SolarOneMusic] – Ep uscito sulla tedesca Solar One Music e formato da singole tracce di artisti del calibro di Ekman, Helena Hauff, Perseus Traxx e Drvg Cvltvre.

_________________

a1670692225_10

ALESSIO GRECO – Dinamica [Lett Records] – Techno propulsiva piena di elementi intriganti per il giovane romano sulla promettente etichetta francese Lett Records.

_________________

222545

ANTIGONE – Saudade EP [Token] – Techno straniante, eterea, raffinata e allo stesso tempo spietata da lasciar senza respiro, mentre ci si perde nei paesaggi lisergici che disegna.

_________________

a2449291089_16

BLAC KOLOR – Born In Ruins [Basic Unit Productions] – Ennesima promessa della Basic Unit Productions, il progetto tedesco Black Kolor si riconferma con il suo secondo lavoro, dedito ad una pulsante techno industriale ed oscura.

_________________

imgres

BLACK TEARS – The Long Decline [Veleno Viola] – Francesco Baudazzi aka Obtane aka Violet Poison e Giorgio Gigli tornano con un nuovo disco a 4 anni dalla chiusura della Zoolooft, non crediamo serva aggiungere altro.

_________________

blawan

BLAWAN – The Communicat 1022 EP [Ternesc] – Big room techno che non si limita a far ballare o a scorrere via anonima, quella di Blawan è techno fine ed elegante. Nella sua semplicità, la qualità del suono è ricca e definita, straniante.

_________________

a4279185285_10

CIO D’OR – All In All Remixed [Semantica] – La raffinata musica dell’artista tedesca finemente remixata da 5 degli esponenti più di rilievo dell’attuale panorama techno.

_________________

closs

COLOSSLOTH – Outstretch Your Hand For The Impress Of Truth [Cold Springs] – La Cold Spring ha dato casa a questo particolare artista inglese, il quale coniuga digital-noise e pulsioni da musica concreta con un substrato dark ambient e dub.

_________________

conforce

CONFORCE – North To South Part 1 EP [Delsin] – A metà tra Techno ed IDM, un disco che si inserisce perfettamente nel sound peculiare della Delsin Records.

_________________

dalhous

DALHOUSComposite Moods Vol.1 [Blackest Ever Black] – Variante e malinconico, questo EP oscilla tra diversi mood in modo impeccabile, esattamente come suggerisce il nome.

_________________

DE AMBASSADEDE AMBASSADE – Wat Voel Je Nou [Knekelhuis] – De Ambassade è il nuovo alter ego del producer olandese Dollkraut il quale, con questo lavoro, ci riporta agli anni 80 e al tempo in cui le sonorità synth pop e disco erano l’ingrediente principale per la riuscita di ogni party.

_________________

developer

DEVELOPER – Isolation Themes EP [Modularz] – Techno nuda e cruda, destinata al dancefloor ma allo stesso tempo, evoluta, curata e di qualità.

_________________

dioxide

DIOXIDE – Specular Mirrors [Space Race Records] – Il duo composto da Andrew Lagowski ed Andrea Bellucci ci offre qui un lavoro di IDM capace di guardare avanti invece di rimanere ancorata agli stilemi del genere.

_________________

eindkrak

EINDKRAK – Divine Bovine [Unknown Precept] – La Unknown Precept non sbaglia un colpo: stavolta è il turno di Boris Post aka Eindkrak che, con un disco fortemente influenzato dalla prima corrente industrial, ci porta all’interno di una dimensione dal sapore sinistro.

_________________

gagarin

GAGARIN KOMBINAATTI – 83-85 [Puu] – Il primo gruppo di Mika Vainio. Rumorismi astratti e sezioni proto-techno si mischiano alla perfezione ai suoi primi approcci noise.

_________________

gaja

GAJA – Slaves Of The Future [Ophism] – Poco hype, tanta sostanza. Questo è quello che pensiamo ogni volta che ascoltiamo un nuovo disco di Gaja.

_________________

genocide

GENOCIDE ORGAN – Obituary Of The Americas [Tesco Organisations] – I maestri tedeschi del power electronics più militante tornano con un lavoro che ci ricorda perché ancora oggi rimangono tali.

_________________

afu

HECKMANN – Lost Reality / In Your Face [Afu Limited] – Nuova gemma di Heckmann su AFU Limited, due tracce techno dal sapore electro/EBM in grado di spaccare in due il dancefloor.

_________________

a2930350859_16

HYSTERIC AGENT – Cold Blood, Cold Night [New York Haunted] – La cover non mente: il rave del futuro è qui. Beats durissimi e acidissimi per questa nuova cassetta sull’olandese New York Haunted. 

_________________

diag

IN THE MOUTH OF THE WOLF – In The Mouth Of The Wolf [Diagonal] – Ancient Methods e Cindytalk, la collaborazione che non ti aspetti con una dedica speciale a Sophie Scholl.

_________________

internazionale

INTERNAZIONALE – Wreaths Of Life [Janushoved] – La Janushoved si riconferma una delle eccellenze nordiche. Silenziosa, prolifica ma estremamente potente, proprio come tutte le release del danese Mikkel Valentin Dunkerley (aka Lace & Collar / Albino Groupie / Rosen & Spyddet).

_________________

bonetta

JOSHUA BONNETTA – Lago [Shelter Press] – Tra storie dei locali ed atmosfere calde e malinconiche Bonnetta crea un profondo ritratto sonico del Salton Sea, arricchito dalle fotografie di Ron Jude.

_________________

lfy

LUST FOR YOUTH – Compassion [Sacred Bones Records] – I Lust For Youth tornano con un disco che li consacra definitivamente eredi spirituali di un synth pop che sintetizza in maniera personale e iperrealistica i fantasmi di New Order, Pet Shop Boys, Depeche Mode e Orchestral Manoeuvres In The Dark.

_________________

posh

MATS ERLANDSSON – Selective Miracles [Posh Isolation] – Sold out nel giro di pochi giorni, questa cassetta è veramente un miracolo. Astrattissimo, solo per gli animi freddi e malinconici.

_________________

nickNICK KLEIN – I’d Rather Sit Alone [Summer Isle] – Nick Klein approda sull’ottima Summer Isle dopo esser passato tra le migliori label negli ultimi tempi, dalla Ascetic House alla Unknown Precept. Anche io preferirei sedere da sola ed ascoltare in loop West Palm Beach, Florida.

_________________

NINOS

NINOS DU BRASIL – Para Araras [Hospital Productions] – Il duo italiano presenta un lavoro più marcatamente techno dei precedenti ma che punta ancora forte su tribalismi da carnevale e psichedelie paludose.

_________________

NORIN

NORIN – Bakom Planteringen [Posh Isolation] – Ambient techno finemente prodotta da una delle migliori label del momento, Posh Isolation.

_________________

not

 NOT WAVING – Animals [Diagonal] – Album che, con l’uscita sulla label di un certo Powell, conferma ulteriormente il talento dell’italiano Alessio Natalizia.

_________________

ontal

ONTAL – Simulacron [AMOK Tapes] – Il progetto serbo torna con la cassetta Simulacron, dove techno ed industrial trovano ancora una volta felice connubio.

_________________

continuum

PAUL JEBANASAM – Continuum [Subtext] – La musica dell’Universo, dalla nascita del tutto ai futuri che lo attendono. Un viaggio dalle particelle elementari alla ragnatela cosmica.

_________________

jg

PHASE FATALE – Issue N° 10 [Jealous God] – Un fulmine a ciel sereno. Nell’arco di soli due anni Phase Fatale è riuscito a diventare una realtà consolidata all’interno della new wave of techno.

_________________

raw

RAW M.T. – Richard’s Revenge [Lobster Theremin] – Ancora Italia con l’ultimo EP di Raw M.T. in cui sonorità ruvide ed acid ipnotica rendono il lavoro del giovane producer veneto altamente appetibile.

_________________

regis

REGIS – The Boys Are Here [Blackest Ever Black] – Uscita su Blackest Ever Black la registrazione del live di Regis del 30 ottobre 2015 in occasione della festa per i 5 anni dell’etichetta inglese. 90 minuti per palati fini.

_________________

roly

ROLY PORTER – Third Law [Tri Angle] – Roly Porter gioca con la fisica e ci porta all’interno di un futuro distopico.

_________________

KER

SAMUEL KERRIDGE – Fatal Light Attraction [Downwards] – Terzo album per Kerridge, basato sulla musica scritta in occasione della performance tenuta l’anno scorso al Berlin Atonal Festival, il disco è l’equivalente dell’esplosione di una supernova o l’esito di una collisione di oggetti massivi.

_________________

sars

SARS & AR For Those Who Strive [Northern Electronics] Distopico, avvolgente e catartico in ugual misura.

_________________

kino

SECAM Kino – Destined Ages [Chondritic Sound] – Seconda uscita su Chondritic sound per SECAM Kino, una cassetta contenente sei tracce che si muovono fra industrial, noise e wave.

_________________

a2756324292_16

Sollilja – In Looking, Disappears [Hospital Productions] – Pulsazioni, ambient, oscurità, abbandono. Hospital Productions su cassetta non delude mai.

_________________

SOS

SØS GUNVER RYBERG – AFTRYK [Contort] – Uscito per Contort, AFTRYK è il debutto solista sulla media distanza dell’artista danese SØS Gunver Ryberg. L’EP mette in scena un approccio destrutturante alla materia techno, tra clangori noise e accelerazioni poliritmiche.

_________________

surgeon

SURGEON – From Farthest Known Objects [Dynamic Tension Records] –  Anthony Child torna con un nuovo album techno industrial EBM a base di modulari analogici d’antan. Un lavoro dalla forte fisicità che guarda però a scenari interstellari da sci-fi.

_________________

sm

THE SOFT MOON – Deeper Remixed Vol.1 [aufnahme + wiedergabe] – Il 5 febbraio 2016 è uscito il primo volume di Deeper Remixed con quattro remix dall’album di The Soft Moon, ad opera di Ancient Methods, Blush Response, Codex Empire e Phase Fatale: pura adrenalina nella visione dark dell’artista americano, oscura e pessimista.

_________________

the game

VIOLET POISON – The Game EP [Il Silenzio Del Rumore] – Prima uscita dell’etichetta torinese del Varvara Festival, con un Violet Poison che esprime al meglio il suo personale concetto di wave-techno.

_________________

voices

VOICES FROM THE LAKE – Secondo Tempo [Spazio Disponibile] – Altra gemma firmata dal duo Dozzy – Neel con cui viene celebrata la nascita della loro nuova label Spazio Disponibile.

_________________

artworks-000146600717-mpmmia-t500x500_grande

VOISKI – Go Play Your Games [Russian Torrent Versions] –Primo EP del francese per la Russian Torrent Versions. Accattivante e deciso. 

_________________

wolf

WOLFSHEIM – The Sparrow And The Nightales EP [Dark Entries] – Ristampa su Dark Entries della celebre canzone degli Wolfsheim, con incluso il riuscitissimo remix di Ancient Methods.

_________________

yves

YVES DE MEY – Drawn With Shadow Pens [Spectrum Spools]  – Yves De Mey debutta sulla sub-label della Editions Mego con un album elettrico e carico di ombre tra minimalismo moderno e elettroacustica.

_________________

zuli

ZULI – Bionic Ahmed EP [UIQ] – Lavoro di debutto per il giovane artista egiziano Zuli per l’etichetta di Lee Gamble, la UIQ. Ritmi break e sound etnico si uniscono per creare un’atmosfera unica dal sapore orientale.

__________________________________

 

About the author

Futurismi

Leave a Comment