Album Reviews

Youth Code – Commitment to Complications

Written by Futurismi

A tre anni di distanza dal debutto omonimo, seguito poi da una serie di EP su vinile e dalla raccolta su cd An Overture, tornano i californiani Youth Code con il loro secondo album Commitment To Complications, pubblicato per la loro ormai affezionata etichetta Dais Records; dire che le aspettative per questo lavoro fossero alte è a dir poco un eufemismo, trattandosi di uno dei nomi più seguiti e più di successo della recente ondata americana legata alla rinascita dell’electro-industrial e della EBM vecchia scuola, gruppo che ricordiamo è stato in tour con nomi importanti e storici della scena quali Skinny Puppy e Front Line Assembly.
Ed è proprio Rhys Fulber degli FLA dietro la produzione di questo disco, il quale prosegue il percorso iniziato dai nostri negli EP A Place To Stand ed Anagnorisis, dando saggiamente spazio alla voce violenta e militante di Sara Taylor e ai synth feroci e alle bassline a motosega di Ryan George; vari i rimandi al suono della Wax Trax! e di tutta un’epoca, tra loop taglienti alla Ministry del periodo di mezzo tra pura EBM ed industrial metal, atmosfere apocalittiche che rimandano ai già citati canadesi guidati da Bill Leeb, anche se qui in chiave più urbana e meno futuristica, ed in generale ai modi di un certo modo di intendere la materia elettronica più corporea ed industrial.
In questo quindi il loro stile non è cambiato molto, ma di sicuro rispetto al debutto produzione e songwriting sono passati su un altro livello, con pezzi veri e propri al posto dei pastiche li spesso presenti, e con un suono feroce, potente, ma chiaro; il tutto sottinteso da un’urgenza hardcore che rende anche gli episodi più mediati ed atmosferici vitali e pulsanti, con una tensione mai soffocata che esprime una rabbia concreta che nasce dal dissidio con la società.
Non dobbiamo quindi essere sorpresi da episodi come la title track, con la sua drum machine bellica e le grida di Sara, dove linee evocative di synth e i cori distorti alla Cat Rapes Dog di Ben Falgoust dei Goatwhore trovano perfetta collocazione, oppure la più subdola Glass Spitter con le sue atmosfere striscianti e meccaniche fatte di campionamenti da fabbrica e colpi serrati, la quale poi accelera mantenendo però la sua natura ossessiva, anche tra i loop oscuri che instaurano un’atmosfera “ariosa”, ma mai fuori luogo; e nemmeno di The Dust Of Fallen Rome con la sua unione di cavalcate da tregenda in 4/4 e momenti da ballad sintetica dove regna una certa epicità grandiosa, capace di mostrarci una band che ha familiarità con il proprio songwriting e che sa apportare quelle minime e necessarie variazioni che evitano la monotonia, ma allo stesso tempo non ne snaturano il modus operandi.
Insomma, una conferma aspettata che si realizza, consegnandoci un album che mostra la raggiunta maturazione ed identità dei Nostri; qualche critico dell’ultima ora (sempre presente per qualsiasi gruppo dell’area industrial che abbia un minimo di consenso di massa) continuerà a dire che non fanno altro che copiare un passato glorioso, ma la realtà è che qui abbiamo un sincero amore per certi suoni, portato però nella realtà attuale sia a livello di produzione, sia a livello tematico esprimendo posizioni non politiche, ma sociali ed esistenziali, su temi di varia natura, evitando la predica e la banalizzazione. Se cercate un lavoro di electro-industrial con salde radici nella tradizione, ma la testa nel presente, non dovete guardare oltre.

 


 

Three years have passed since their self-titled debut came out, followed by a series of EP’s on vinyl and the CD collection An Overture, and now the Californian duo Youth Code returns with the sophomore album Commitment To Complications, published by their loyal label Dais Records; to say that expectations were high for this work is nothing but an understatement, since they are one of the most popular and successful bands in the recent American wave scene, linked to the rebirth of old school electro-industrial and EBM, a group that we have to remind has toured with big names such as Skinny Puppy and Front Line Assembly.
Indeed Rhys Fulber from FLA is behind the production of this record, which follows the path started with the EPs A Place To Stand and Anagnorisis, wisely giving space to the violent and militant voice of Sara Taylor and to the fierce synths and basslines of Ryan George chainsaw; various references to the Wax Trax! sound and the whole era can be found, with cutting edge loops and sounds of middle-era Ministry between pure EBM and their industrial metal period. Apocalyptic atmospheres referring to the aforementioned Canadian band guided by Bill Leeb are there as well, even though in a more urban and less futuristic key, and at large the tools of a certain way of thinking the matter of electronic body music and industrial.
We could say that their style has not changed that much but, compared to the debut production and the early songwriting, has reached another level, with real songs instead of the first album’s pastiches, and with a fierce, powerful, but clear sound; all of it is amplified by a hardcore urgency which also makes the more reflexive and atmospheric episodes vital and pulsating, with a never repressed tension that expresses a concrete anger , emerging from the detachment from society.
That’s why we are not surprised with episodes such as the title track, with its war-like drum machine and shouts from Sara, where evocative synth lines and distorted choruses ala Cat Rapes Dog from Ben Falgoust of Goathwhore’s fame find their perfect placement, or the more subtle Glass Spitter with its creeping and mechanical atmosphere made of factory samples and tight rhythms, which then accelerates while maintaining its obsessive nature even among the dark loops that establish an “ethereal” but never out of place atmosphere. We shouldn’t even be surprised by The Dust Of Fallen Rome with its combination of violent rides in 4/4 and “synthetic ballad” moments where there is some grand and epic scenario, able to show us a band which is familiar with its songwriting and which knows how to make minimum and necessary adjustments in order to avoid monotony, but without ruining its own modus operandi.
In short, an expected confirmation come true, with a work that shows the band’s maturity and identity; some late-to-the-party critics (they will always be present for any industrial group that has reached a minimum of mass appeal) will continue to say that they sort of reinvent a glorious past, but the reality is that here we have a sincere love for that kind of sound sounds. However, the band lives in the present in terms of both production and themes, expressing not political positions, but social and existential views on various topics, avoiding sermons and trivializations. If you look for an electro-industrial work firmly rooted in tradition, but with the head in the present, you don’t need to look any further.

 

About the author

Futurismi

Leave a Comment